Marco Passerini cu_i comunicazione umanistica integrata

Nel mio percorso formativo é centrale, dopo l’incontro con il mondo classico, lo studio della filosofia.

Un corso di laurea che sfugge ad una rigida declinazione funzionale, una disciplina che difficilmente diventa un mestiere, eppure è capace di consegnare all’amorosa tensione dello studio alcuni orientamenti capaci di restare, il dono di una riflessione aperta, trasversale.

Un pensiero critico, sia verso il mondo che verso sé stesso, quindi attento a non essere autoreferenziale. La filosofia non è un contenuto ma un’attività critica, di chiarificazione, una lotta contro l’incantesimo del nostro intelletto per mezzo del nostro linguaggio (L. Wittegnstein).

Tutto questo ha molto a che fare con il mio interesse per la comunicazione, come uscita dal pensiero e immersione nelle esperienze, cominciando da quella importantissima che sta alla base della definizione stessa di comunicazione: lo scambio, il circuito, il feedback. E quindi insieme alla filosofia (e grazie all’incoraggiamento della filosofia, alla sua capacità di visione) ho incontrato la comunicazione, il counseling, la relazione d’aiuto, il lavoro con le persone, l’amore per la ricerca.

Ermeneutica e apertura al mondo, pragmatismo e ‘will to believe’ si incontrano e sono, per me, incroci generativi, disegnano prospettive che cerco di portare nel mio lavoro, in quella che, con Zaira, definiamo ‘progettualità intorno alla comunicazione’ e che si arricchisce, come indispensabile strumento – mai come fine – di un’architettura tecnica in perenne cambiamento parte dalle linee nascoste di un codice e arriva nelle nostre vite, nei nostri stili e orientamenti (di consumo, di informazione, di relazione).

Sono webmaster, esperto nell’utilizzo di xhtml e css, nella programmazione javascript/jquery, asp e php.

[ Marco Passerini ]

Dal 2010 lavoro a cu_i comunicazione umanistica integrata, un progetto culturale che fa della comunicazione lo strumento sia per ascoltare che per manifestare – attraverso una serie di processi ed output coordinati e coerenti – un’idea, un obiettivo, un’istanza, in maniera quanto più fedele ed efficace rispetto ai nuclei di valore che la caratterizzano ed alla motivazione che la rende un potenziale elemento di cambiamento dei contesti (culturali, relazionali, di fruizione).

Ogni progetto rappresenta, dalla prima esplorazione alla gestione strategica dei processi attivati di volta in volta, un’azione di consulenza che vede al centro l’incontro con l’interlocutore, portatore di una volontà e di obiettivi comunicativi specifici e personali.

Sono integrali all’ideazione e realizzazione di progetti comunicativi

– le mie competenze di counselor, progettista e ricercatore, web master, web designer, web content manager,

relazione d’aiuto e lavoro sociale;

– i miei interessi personali: pragmatica della comunicazione, ermeneutica, spiritualità ed etica, storia del pensiero,

letteratura, arte, cinofilia;

– le mie attitudini: capacità di ascolto e facilitazione, propensione all’analisi e sintesi dei processi, creatività, intuizione,

flessibilità, capacità relazionali.

DICHIARAZIONI PERSONALI

comunicazione = capacità di assumere un ruolo responsabile nella realizzazione delle potenzialità di un messaggio recepito ed espresso attraverso una pluralità di canali e di codici che ne compongono e realizzano la figura complessiva;

umanistica = capacità di relazione con l’altro all’interno di una prospettiva aperta e fiduciosa e di un contesto fatto di elementi culturali sia noti che inediti;

integrata = capacità di prossimità all’esperienza concreta, da cui derivano gli elementi di crescita ed elaborazione di un progetto ed alla quale devono fare riferimento i cambiamenti che il progetto stesso si proprone.